PROGETTO EDUCATIVO E ORGANIZZATIVO
Le comunità alloggio per minori si propongono come la soluzione residenziale per quei minori in particolari condizioni esistenziali, per i quali sia impraticabile o improponibile l’ambiente familiare di appartenenza, l’affido familiare o perché si è in attesa dell’affido stesso.
Sono strutture residenziali aventi caratteristiche funzionali ed organizzative orientate al modello relazionale familiare, caratterizzate dalla convivenza di un gruppo di minori con un’equipe di operatori professionali che svolgono la funzione educativa come attività di lavoro.
Ogni struttura é da considerarsi un ambiente di vita temporaneo, caratterizzato da un clima che permetta di:
   1) Stimolare una maturazione psicologica adeguata del minore in vista di un autonomo inserimento nel mondo della scuola, nel lavoro e nel tessuto sociale, attraverso specifici e finalizzati progetti educativi;
   2) Promuovere e mantenere i contatti con le famiglie di origine, ove non espressamente esclusi dall'Autorità Giudiziaria Minorile;
   3) Curare l'integrazione con l'ambiente sociale circostante proprio ad evitare l'isolamento o l'esclusione dalla partecipazione alla vita sociale (utilizzo delle strutture scolastiche, sportive, ricreative, ecc.).

DESTINATARI
Sono destinatari delle comunità quei minori in difficoltà, in situazione di devianza e di disadattamento, con famiglie multiproblematiche.

CAPACITÁ RICETTIVA
Nelle tre comunità alloggio di Matera possiamo ospitare, per ognuna un numero complessivo di 8 minori,piú due posti per le emergenze (secondo la struttura) di ambo i sessi, di etá compresa tra 6-18 anni.
Nella comunità educativa di Andria invece, possiamo ospitare fino ad un massimo di 10 minori di ambo i sessi, dai 3 ai 18 anni, più un posto per le emergenze;
la struttura organizza la propria accoglienza in modo da assicurare la omogeneità della presenza dei minori per classi di età, in particolare curando che siano presenti minori fino ai 12 anni oppure minori dai 13 ai 18 anni, fatta salva la possibilità di ospitare minori fratelli anche in fasce di età diverse da quelle indicate.
E’ possibile inserire minori di età inferiore ai tre anni ove richiesto da particolari situazioni contingenti, ed a seguito dell’autorizzazione dell’autorità che ne ha disposto l’inserimento.
La permanenza degli ospiti può essere estesa oltre il compimento del 18° anno di età limitatamente ai casi per i quali si rende necessario il completamento del percorso educativo e di recupero.

FUNZIONAMENTO
La Comunità Alloggio funziona 24 ore su 24, per l’intera settimana e per tutto l’anno.

LA STRUTTURA: LOCALIZZAZIONE E SPAZI

La Comunità funziona all'interno di una struttura di civile abitazione, situata in una zona residenziale di Matera, dotata di quegli elementi essenziali per rendere il più possibile varia, completa ed organizzata la vita degli utenti.
È un appartamento avente dimensioni e caratteristiche funzionali ed organizzative orientate al modello relazionale della famiglia, tale da garantire, attraverso progetti personalizzati, una conduzione ed un clima educativamente significativi.
La struttura si trova all'interno di una rete di pubblici trasporti, che collega adeguatamente i vari punti della città (servizi sanitari di base, scolastici) al fine di favorire la continuità dei rapporti familiari e sociali (attività culturali, ricreative, sportive, del tempo libero).

ATTIVITÁ EDUCATIVE SCOLASTICHE ED EXTRASCOLASTICHE
La comunità assicura accoglienza e cura dei minori, nonché una costante azione educativa, assistenza e tutela, gestione della quotidianità ed organizzazione della vita alla stregua di quanto avviene nel normale clima familiare.
Il coinvolgimento dei minori avviene in tutte le attività di espletamento della vita quotidiana.
La quotidianità dei ragazzi ospiti della comunità è caratterizzata in modo simile a quello di tanti loro coetanei.
Le giornate feriali, vedono i ragazzi nelle mattinate impegnati a scuola. Dopo pranzo, essi svolgono i compiti scolastici e si dedicano ad altre attività ricreative che qualificano il loro tempo libero.
Dall’inizio di ogni anno, vengono avviate le seguenti attività:
   1) Sostegno e recupero scolastico;
   2) Attività ludico/sportiva;
   3) Laboratori musicali e artistici;
   4) Gite turistico/culturali.


Durante il periodo estivo la programmazione cambia quasi radicalmente.
Le attività sono diverse, si cerca comunque di utilizzare, per quanto possibile, le risorse del territorio:
   - Attività ludico sportive presso le parrocchie;
   - Giornate al mare;
   - Visite guidate presso luoghi culturali e di divertimento;
   - Giochi di società;
   - Frequentazione di amicizie esterne alla comunità.


Naturalmente, tutte le attività suddette, sia durante il periodo scolastico sia in quello estivo, vengono ritagliate apposta per ogni minore a seconda del progetto educativo pensato per ognuno.
Ci sono infatti ragazzi per i quali occorre progettare un percorso diverso da quello scolastico, come per esempio corsi di formazione professionali, apprendistato, al fine di un probabile inserimento lavorativo.
Inoltre, alcuni ragazzi, sia spontaneamente sia stimolati da noi, preferiscono impiegare una parte dell’estate lavorando, cosa che permette loro di guadagnarsi qualcosa e sentirsi indipendenti.
Crediamo molto nella possibilità di far apprendere, tra le altre cose, un lavoro secondo le attitudini mostrate da ognuno dei nostri ragazzi, perché consente di acquisire fiducia in se stessi e di credere nella possibilità di determinare un futuro migliore che si avvicina sempre di più.
Nella nostra esperienza, abbiamo notato che i minori che ci vengono affidati mostrano molto interesse per il lavoro e sono in grado di acquisire velocemente le abilità necessarie allo svolgimento corretto della pratica lavorativa.
Il cambiamento e la maturazione, infatti, avvengono più velocemente se ogni ragazzo si sente più soddisfatto di se stesso.




                                                                                                                           Copyright © Soc. Coop. Sociale "L'Individuo"